DAL FOGLIO AL SOFTWARE

INDICE DEL ARTICOLO

Trasformazione

L’interior design ha subito una trasformazione epocale nel corso degli anni, spostandosi da una mera pratica decorativa a una disciplina complessa che richiede una vasta gamma di competenze e conoscenze. In questo articolo, esploreremo l’evoluzione delle competenze richieste nel settore, analizzando come il concept strategico per interior design sia diventato fondamentale per rimanere competitivi nel mercato moderno.

Decoratore al Designer Orientato al
Design Thinking

Negli anni ’50, gli interior designer erano principalmente visti come decoratori, incaricati di abbellire gli spazi con un tocco di eleganza e stile. Tuttavia, con l’avanzare del tempo, ci si è resi conto che il design d’interni non riguardava solo l’aspetto estetico, ma anche la funzionalità e l’esperienza dell’utente. È stato durante gli anni ’70 e ’80 che il concetto di design thinking ha iniziato a guadagnare terreno, spingendo i designer a considerare più attentamente i bisogni e i desideri degli utenti, oltre che a concentrarsi sulla sostenibilità e sull’efficienza degli spazi.

Artboard-1

Tecnologia nell'Interior Design

1.1 Gli Anni ’90: Il Potenziale della Tecnologia

Negli anni ’90, molti designer avevano già intravisto il potenziale della tecnologia nel rivoluzionare il processo di progettazione. Strumenti come AutoCAD, SketchUp, 3ds Max, Rhino e altri programmi informatici stavano diventando sempre più diffusi, consentendo ai designer di creare modelli digitali precisi e realistiche visualizzazioni dei loro progetti.

1.2 L’Adattamento di Designer come Luca

Immaginatevi un designer, diciamo chiamiamolo Luca, che negli anni ’90 si trova a dover affrontare il cambiamento di paradigma nel settore. Mentre un tempo poteva fare affidamento solo sul suo buon gusto e la sua creatività, ora deve imparare a utilizzare questi nuovi strumenti digitali per tradurre le sue idee in realtà. Deve essere in grado di navigare tra AutoCAD e SketchUp con la stessa facilità con cui una volta disegnava con matita e carta.

1.3 Gli Anni 2000: Nuove Opportunità con la Tecnologia

Non dimentichiamo gli anni 2000, un’epoca in cui la tecnologia ha raggiunto nuove vette. Software di progettazione assistita e strumenti di visualizzazione digitale hanno reso più facile che mai comunicare le idee di design ai clienti e ai colleghi. La capacità di utilizzare queste nuove tecnologie è diventata essenziale per rimanere competitivi nel settore.

1.4 L’Attenzione Maggiore ai Clienti

Paradossalmente, l’avanzamento della tecnologia ha anche portato a una maggiore attenzione nei confronti dei clienti da parte degli interior designer. Con meno tempo dedicato al disegno a mano, i designer hanno potuto concentrarsi maggiormente sulle esigenze e i desideri dei loro clienti, ascoltando attentamente i loro feedback e adattando i loro progetti di conseguenza. Questo cambiamento ha portato a una maggiore collaborazione e comunicazione tra designer e clienti, contribuendo a creare risultati finali più soddisfacenti e personalizzati.

Artboard-1_1

Nell'Era del Web 3.0 e Mondi Virtuali.

Mentre riflettiamo sul percorso dell’interior design fino ad oggi, non possiamo ignorare l’inevitabile: il mondo sta cambiando ancora una volta. E questa volta, il cambiamento è più grande, più audace e più virtuale che mai. L’era del Web 3.0 sta sbocciando di fronte ai nostri occhi, portando con sé mondi virtuali sempre più immersivi e interattivi. Ma cosa significa tutto questo per noi, interior designer?

2.1  L’Emergenza del Web 3.0 e dei Mondi Virtuali

Il Web 3.0 non sarà solo una questione di pagine web e motori di ricerca. Sarà un universo di mondi virtuali, accessibili da ogni angolo del globo e aperti a un’infinità di possibilità. Questi mondi non saranno solo uno specchio del nostro mondo fisico, ma un’espansione di esso, unendo il reale e il virtuale in modi che una volta pensavamo fossero solo fantascienza.

2.2  L’impatto sul Lavoro dell’Interior Designer

Per gli interior designer, questo cambiamento rappresenta una sfida e un’opportunità allo stesso tempo. Le tecnologie emergenti come l’intelligenza artificiale generativa stanno già rivoluzionando il modo in cui concepiamo e realizziamo i nostri progetti. La capacità di generare rapidamente una vasta gamma di soluzioni di design, supportate dall’AI, ci consente di esplorare nuove frontiere della creatività e dell’innovazione.

2.3  Il Ruolo delle Metodologie e delle Competenze Emergenti

Tuttavia, per sfruttare appieno il potenziale delle nuove tecnologie, dobbiamo adottare metodologie che ci permettano di affrontare problemi complessi in modo efficace ed efficiente. Liberandoci dai compiti esecutivi, avremo più tempo per approfondire la ricerca e l’analisi funzionale, utilizzando metodologie come il Design Thinking e il Strategic Thinking. Questi approcci ci consentono di condurre analisi approfondite e di creare progetti etici e sostenibili a 360°, andando oltre la semplice scelta di materiali e considerando l’impatto sociale, ambientale ed economico dei nostri progetti.

2.4  Adattarsi al Cambiamento Come Abbiamo Sempre Fatto

Ma non temete, cari colleghi designer, perché questo non è il nostro primo ballo con il cambiamento. Come abbiamo imparato dai capitoli precedenti della nostra storia professionale, siamo in grado di adattarci e prosperare anche in tempi di cambiamento tumultuoso. Abbiamo affrontato la transizione dal decoratore al designer orientato al design thinking, abbiamo abbracciato la tecnologia digitale e abbiamo abbracciato la sostenibilità come parte integrante del nostro lavoro.

Conclusione:

Quindi, mentre ci immergiamo nell’era del Web 3.0 e dei mondi virtuali interattivi, ricordiamo che siamo in grado di affrontare qualsiasi sfida che il futuro possa portare. Continueremo ad acquisire nuove competenze, ad abbracciare nuove tecnologie e a lavorare insieme per creare spazi che ispirino, confortino e sorprendano. Il futuro del design d’interni è luminoso e pieno di possibilità, e insieme, possiamo raggiungere nuove vette di creatività e innovazione.

Esplora lezioni dinamiche di Design Thinking con la metodologia "The Mind", diventando un designer strategico in grado di risolvere problemi complessi.

CONDIVIDI L’ARTICOLO

SCORPI ALTRI ARTICOLI ...